kalashnikov

loop loop baby loop

se mi rilasso. collasso

Cigani! Juris!!!

1-Boom, boom, boom, boom, boom
…………….. kutz, kutz ehy ja
Boom, boom, boom, boom, boom
Kana hi naj kutz, kutz ehy ja
Devla, …………………
Devla, ………………..
Devla, mi dzav te mange an(do) for?
Jek bar? kalashnikov
Kalashnikov
Kalashnikov
Kalashnikov, kalashnikov
Eeeeeeh…

db prese i vinili,
mise da parte i virili
e iniziò a prepararsi per la festa
(almost non mancherai vero?)

le feste di db son cosa semplice
(come lei)
niente tacchi ne’ tacchini
fiumi di vino e musica nel casolare.

Si strusciano ai belloni le fanciulle
mentre lei salta
e controlla fuochi.

Fiotte di persone che si incontrano
qualcuna poi da lì si sposa
(in luglio il primo vero matrimonio di due che si baciarono lì)
altri convivono
altri come db, adottano gatti

e saltano…
il 25 giugno la festa

db torna alla consolle
con il suo bicchiere di vino

auguri

auguri Francesco

fugge un cane come la tua giovinezza.
Negli angoli di casa cerchi il mondo,
nei libri e nei poeti cerchi te,
ma il tuo poeta muore e l’ alba non vedrà
e dove corra il tempo chi lo sa?

im Namen des Vaters

chi visse sperando... (morì non si può dire...)

Hembrione Veritas

E fecero voti con faccia scaltra a Nostra Signora dell’ Ipocrisia
perchè una mano lavasse l’ altra, tutti colpevoli e così sia!
E minacciosi ed un po’ pregando, incenso sparsero al loro Dio,
sempre accusando, sempre cercando il responsabile, non certo io…
La domenica di Mezza Quaresima fu processione di etere di Stato
dai puttanieri a diversi pollici dai furbi del " chi ha dato ha dato "

ed echeggiarono tutte le sere, come rintocchi schioccanti a morto,
amen, mea culpa e miserere, ma neanche un cane che sia risorto

(Francesco Guccini – Nostra Signora dell’Ipocrisia)

db entrò in chiesa
e guardò nell’acquasantiera dei ben pensanti
fu lì che trovò il peccato
(a m e n )

petite mort

la petite mort

 

Le accadeva di addormentarsi dopo
– quasi sempre –
come in una piccola morte
– il distacco fra il terreno ed il letto –
(come in un oblìo)

La petite mort
lei l’amava perchè la distaccava da tutto
(si librava senza pensieri)
No, non voleva che le si asciugassero i pensieri
ma le bastava sorvolarli e guardarli
dall’altra dimensione
come se non fosse cosa sua, cosa loro.

si avvolse nel lenzuolo bianco
e continuò a morire

polvere

polvere

 

Che ci posso fare io se la vita mi parla in lingua straniera?
Che i sassi arrivano dal cielo e non più dalla terra, dalla polvere?
Eh che ci posso fare?
Hai persone accanto, lo sai, non sei sola. Ti proteggono.
Mi proteggono un cazzo. Un emerito cazzo. Faccio di testa mia.
Se hai bisogno ci sono. Te lo rocordano.
– Eh no, bello mio. Quando tutto accadde, i sensazionalismi di vivere una vicenda così.. eh c’eran tutti
tutti bravi a dispensare buoni consigli sentendosi davvero come i vari Buddha e Gesù nei loro templi
ma nella polvere, caro mio, ci sono io.
Mah vedrai che risolverai tutto. Sai, i tempi della gisutizia son lenti. Ti occorreranno 7 forse 8 magari 9 anni.
– Eh no bello. La mia giustizia  è ora. Che m’importa se prendo la mia pistola  e gliela pianto in bocca?
Pensi che mi spaventino tre mascalzoni senza speranza?
– E le loro minacce cazzo, mica le fanno a te, a loro ma le fanno a me. A me e mio figlio
e pensi ch’io abbia paura di difendere mio figlio dalla merda?
Sì, ti ho mandato un sms stasera in cui ti avverto che se succederà loro qualcosa, la colpevole sono io.
Sù arrestami per aver difeso mio figlio.
Una delle poche cose per cui questa cazzo di vita valga d’esser vissuta.
Di che m’incolperai?
Di che m’incolperanno?
Sto nella polvere sì, mentre tutt’intorno, loro guardano, voi guardate
ma nella polvere c’ho i piedi, le gambe, il culo, il busto
ma la testa no, bello
quella è ritta come un cazzo sempre voglioso.

cansion

nu

 

Lasciato nella memoria a logorarti, e nella lontananza a splendere, io
mi ricordodi te, senza pena, senza speranza. (Si fa sempre più silenzioso e alto il mare degli anni; e i tuoi prati pieni di tempo ormai arso, i tuoi poveri venchi rossi di un morto riposo, sonosull’orlo di quel mare: perduti e non pianti). Lasciati là sconosciuti, in campi stranieri dopo che tanto intorno ad essi ho spasimato di amore per capirli, per capire il povero, lucente e duro loro essere, si sono chiusi con te i tuoi uomini sotto un cielo annuvolato. […]

(Pier Paolo Pasolini – La meglio gioventù)

imperfezioni

imagination

 

Ci imitano.
Scimmiottano i nostri difetti.
Strani effetti

Calze a rete come nasse
pesantezza di un maquillage imperfetto
spesso di solitudini
trasversali

si sarebbe potuta innamorare di una donna
senza trucco

Senza trucco c’è solo l’uomo
per questo db
scelse di innamorarsi di lui

No, giuro no, in questo blog d’amore non si parla
fan già due maroni di là
tra spezie, more ferarum e De Lucia a volontà.

db girò il suo pesante culo
e se ne andò

mother

senza cordone ombelicale

dicono sia possibile nascere con la camicia o senza.
dico che si possa nascere con cordone ombelicale o senza.
Un pò come la coscienza.
(o un’etica?)

Stanno spaccando le palle con questo referendum (i miei 4 sì)
sulla possibile assenza di etica in un nascituro
nato da fecondazione artificiale.

Beh, hanno lasciato il diritto di fare altro figlio alla Franzoni, nipote del celebre
padre dell’euro, Dott. Romano Prodi.
(sarebbe stato meglio adottare ago e filo e cucirgliela);
ma le hanno lasciato il patentino di madre modello…

e la madre di Mirko che aveva premeditato
come eliminare l’impiccio di 5 mesi
è già agli arresti domiciliari
e ancora spaccano le palle sul valore etico di un figlio in provetta?
Senza trascurare che i casi di cui mai l’informazione parlerà.

Meglio un figlio in provetta che in un utero marcio