essai

indépendane - le vent et la fille
.
Fotografia di Danielle

.

Ancora siamo a vivere di niente
e ancora la vita si fa ferita
come papaveri in un campo nell’alba,
dietro la notte.

Li vedo ballare
nella mia infermità sentimentale
come se vivere o esistere
fossero i peggiori fra i mali.

Catturami nel silenzio
l’eco della distanza
e percorrimi più per follia
che non per appartenenza.

Un destino a forma di sassi
si lancia nella calma dello stagno
per incitare al volo
quello che da millenni non si sposta.

Vorrei essere
– o magari solo cercare –
il tentativo di distrazione,
o quell’aquilone che lascia la tua mano

e si lascia Amare
almeno dalle nuvole.

.

trovato nel vento che sposta quasi tutto in casa