Je voudrais

indépendance - les temps
.
Fotografia di JO

.

Mi perdonino le persone
che in qualche modo,
per mano mia o non  siano state offese
negli spazi "liberi" dei ocmmenti.

Mi perdonino del non aver pensato prima d’ora
a inserire la moderazione in quello
spazio libero.

Curioso no,
di come un limite garantisca libertà.

E’ il controsenso del vivere
che si accentua lì nella mancanza,
nel frutto che non si coglie,
nella memoria degli odori che rimangono.

***

.

Vorrei indossare per un istante ancora
il segreto della tua pelle
e lì scavare un sogno
che non sia solo istante. 

Essere il buio della tua notte
e la prima luce del tuo risveglio;

Essere quella frase che pronunci
sussurrando.

Vorrei nel segreto della tua pelle
confondermi agli angeli
per essere in te,

Sempre.

.

Da una giornata di forti emozioni
e lacrime.

le temps d'un automne

indépendance - regard
.
Fotografia di Boba

.

Sbadiglio una primavera
che è un pomeriggio autunnale
e nemmeno per oggi
ci siamo fatti l’Amore.

Noi siamo solo emozione;
ci basta uno sguardo per volare
o per stare male.

Se tu fossi pioggia
scenderei per strada,
per essere vestita dei tuoi discorsi
e non ricordare una parola.

La dimenticanza
è un calendario di giorni
e dietro noi,
luccicano attimi
sul gelsomino in fiore.

E’ appena passato per strada un altro giorno:
mi ha guardata stupito 
cogliendo dal vento

il tuo nome.

.
trovato

au clair de lune

indépendance - Françoise Hardy

.

Diranno ch’era ferraglia
come quella che risuonava
alle caviglie dei lebbrosi
perchè si riconoscesse già dal rumore
di cosa si muore.

Le mie catene erano
i tuoi respiri sulla carne
o quei silenzi
che discorrono con gli occhi.

Non un suono
quando brancolo nel destino;
non una smorfia
sulle facce degli impiccati.

Il riflesso della luna
poggiò un bacio per Salomé
su un vassoio d’argento.

Le betulle
frusciano parole incomprensibili.
Nessuno traduce quello che sappiamo.

Anche noi un giorno ci siamo
Amati.

.
trovato nella luna

mélancolie

indépendance  - melancolie
.

Sono bianchi
come i fiori di magnolia
poi, sull’asfalto della vita,
sfioriscono.

Filtra una luce tiepida
dove cresce fra le antiche pietre,
la miseria.

Tornano a Dio,
invocando la clemenza
per un dove senza terra
e un riparo sicuro dalla pioggia.

Certi giorni sorprendono il cielo
come i fiori di magnolia.

.
poco prima di andare a dormire