du feuillage

indépendance - encore
.
Fotografia di C. Lebrasseur

.

Ci rapì un giorno:
un giorno più distante.

Fatte silenzio eravamo già ombre.

Nulla riemerge dal tempo
solo la vita ha in sè oggi
il senso di essere ricerca e tormento.

Rimangono quelle ombre ch’eravamo
a fare da eco ai nostri passi.

Nessuno conosce la destinazione
neanche noi che ci siamo dentro.

Tutto è ora,
– come tenerezza riportata dal vento –
quello scorgere primavere
nei colori d’autunno.

.
trovato ai piedi di una tagliola

été

indépendance - femme.
.
Fotografia di B. Bet

.

Riprendono il sentiero di polvere
questi giorni assolati di memorie.

Le frasche riparano almeno
l’ozio delle lucertoe sui sassi.

Chissà a cosa pensano
in inverno le rondini
o dove si nascondono dal freddo della vita,
i rettili e le loro sette pelli.

Solo il cantare delle cicale
interrompe questo girovagare di silenzi
prima che il vento oscuri il cielo
coprendo coi suoi veli
anche gli occhi delle stelle.

Suoni di tamburi
anticipano le parole,
come il vizio di vivere

in questo batter di cuore
ai vetri della tua assenza.

.
trovato prima di fare un riposo

la terre et l'eau

indépendance - regard
.
Fotografia di Emma

.
E’ in quella terra sconnessa
dai cespugli d’aromi
che la vita si fa storia.

La prima ghiaia di un sentiero
è ora la nostra strada
nei segreti che restituisce il tempo.

Le giovani piante si son fatte alberi
e le pietre son diventate
mura di preghiere e silenzi.

Lì tutto è e esiste:
come noi,
pezzi di vita sotto agli alberi.

Se solo sapessi
quanta fatica ci è farsi spazio
fra i fili d’erba
torneresti almeno un giorno
per raccoglierci dalla polvere

e nasconderci
nel nido che han fatto sul noce,

i merli,

.
Si avvicina il ventennale di un’Assenza
e tutto diventa dolore.
Anche la mattina svgliarsi.

recherche V

indépendance - vivre
.
Fotografia di C. Novice

.

Il tempo ormai lo sai,
ci invecchia intorno agli occhi
e accende in ogni solco,
il canto del silenzio.

Esisto ancora
nella vertigine del ricordo,
nel volo dell’essere stata in te
sete di quell’acqua di cui
tu eri sorgente.

Ora che il mio andare
è ricerca di sete
e le mie mani tremano
nel rossore del cielo,

intime memorie
si fanno custodi dell’essermi
costante sbaglio,

come il ramo spezzato
abbracciato alla corrente
che s’impaurisce e non riconosce
il proprio riflesso.

.
trovato in giorni curiosi.
in mezzo ai giovani.

à la page

indépendance - la vie
.
Fotografia di M. Elizabeth

.

Vorrei ancora
trovarti nella pagina accanto,
quella che guarda assorta
il piovere sui tetti,

che conosce
il mio ignoto e l’erba
già dalle zolle di terra
sotto l’asfalto.

Vorrei correre a piedi scalzi
su quegli stessi inciampi
dove braccia, tenerezza,
erano la visione di uno stesso bacio
da prospettive diverse.

Corrermi incontro solo per ritrovarti,
come pioggia sulle camelie
o raggi di luce
su quell’ultimo temporale
sul viale dei ricordi. 

Solo il vento si fa certezza
dove tu, solo tu
eri e sei la pagina che vola sull’erba,
la stessa che ho da tempo letta
e che non è ancora

stata scritta. 

.
trovato in casa
dentro la solita tazzina arancione.
Tu nuotavi su un granello di zucchero.
Ho provato a ucciderti ma ho dolcificato solo il caffè.

la force et ses couleurs

indépendance - brume
.
Fotografia di Vagabond

.
Ora che siamo
la verità della nebbia,
mordi ai piedi e nella sua radice,
la mia ombra.

Ti chiederai dov’è che vado stando ferma,
o perchè ai miei piedi
non nasca più
 l’urgenza di una corsa.

Sono diventata
la rotta per le mie partenze
navigo ormeggiata ad un giorno,
quello rosso in cui
il cielo è diventato pudore
o semplice abbaglio.

Conta tu per me
le stelle che sono cadute
e che ho perso.

Quante promesse
non maturano sul melo.

Tu però non lo sai,
i fiori nascono solo dal basso.

.
i calzini spaiati scaldano in egual modo

femme d'eau

indépendance- bouche
.
Fotografia di Ananina

.

Pagine senza storia
la mia qui ora e adesso;
il resto è già
quello che manca.

Fioriscono ancora certi piccoli sogni,
come segreti da cui dipendere
o a cui attingere,
andando.

La mano che urla
è sposa della tristezza,
già la vedi madre
e piange che sembra rida

rassicurata
solo dalla pioggia costante
sul suo essere viole e primule
in questa stagione

senza fine.

.
trovato in 38 linee di febbre

nouvelle jeunesse

indépendance- la fille et la mer
.
Fotografia di Crystal

.

Vorrei oggi
giocare nella sabbia:
nascondermi per diletto
in quello che non sarà mai un castello;

essermi regina
per tenerezza, ironia o sbaglio.

Asciugare così
giovani peccati senza memoria
o incotrarmi nell’acqua
e abbracciarmi
come si abbracciano le onde.

Piovermi addosso
altri giorni felici.

E’ faticoso tornare a vivere,
bucare la vita dal basso,
da dentro il guscio duro di un seme
che non conosce le carezze del sole.

Accarezzano il vento
ogni volta che il mare cresce dentro
le ombre lunghe dei salici.

.
trovato in una giornata
con gli affetti familiari

prière dans les nuages

indépendance - tout bas
.
Fotografia di Fernando

..

A dispetto dei discorsi
morirò vivendo,
con fra le braccia,un abbraccio
o un libro
in cui qualcuno si accarezza.

Neve d’inverno
ricopre i segreti del mondo,
poi col primo tepore,
nasceranno primule e viole
sull’ultimo abbraccio incolto.

E’ la vita che ti afferra
e ti costringe all’Amore
poi ti lascia come un salice senza foglie
sul letto arido di un fiume.

 Implora la vita
temporali alle nuvole.

.
trovato in un succo d’ananas
bevuto con la cannuccia

on tient à la vie

indépendance - vanité
.
Fotografia di L.C. Carvahlo

.

Oggi è in te
che mi spoglio.

Che vesto i tuoi occhi
dei mie sguardi stanchi,
dei passi nella neve
ancora prima che neve cada;

che piango
perchè tu possa
pescare nel mio mare mosso,
un pesce d’argento
o cullarmi dentro la nassa.

Una carezza
mi coprirà la notte
per tutte le notti
fino a quando
qualcuno aprirà la finestra.

E saranno colombe
anche nei cieli dopo la guerra.

Sarà il tempo di mosto e vendemmia,
o semplicemente
il tempo di calici alla vita
perchè ancora vita esista.

Un bacio alla tenerezza
due, alle tue mani impazienti
e alla gioia

di chi l’ha
o di chi come noi,
la cerca.

.
trovato nel calice di falanghina,
nell’amore per la vita

nonostante tutto.