comme le vent

indépendance - attente
.
Fotografia di Seva

.

Potrò mai raccontarti
del silenzio che è tuono
e che bagna il cielo
già in un sguardo?

Saperti dove il tempo
è già un eterno
che come un’onda che ti avvicina
e ti allontana
da dove muore la conchiglia.

Avvicinami al sogno
senza svegliarmi.

Osservarti nella spuma del mare,
in quei sentieri di silenzi
a filo d’orzzonte

e già trovarmi a cercarti
dentro e fuori la pelle,
percipire la tua corsa
dalla forza del crine nell’aria.

Respirarmi quasi dormendo,
con il tuo sguardo
forte e lieve

come un vento di maestrale
nel presente di futuri ricordi
e nei capelli.

.
dovrei riordinare alcune cose.
Tu però rimani dove sei: in me, ovunque.

cette vie

indépendance - la soirèe
.
Fotografia di Dolly

.

Spoglio così
la verità dal sogno,
come se vivere fosse già conoscerci
o salutarci con l’abitudine
di chi non conosce ancora la storia.

Riportami in quella stanza:
nell’anticamera di un arrivederci
e Amami con forza,
perchè io senta nella pelle
in te, tutti gli inverni,
le estati, i fiumi e i deserti.

Pesa come la nebbia
quell’ombra ancora appesa
al mio sguardo.

 Ho costruito 
-in questa costante incertezza –
con l’ombra del Tuo andare
e del mio non divenire

la mia stanza.

.
Trovato dove non cerco
ma sei.
Perchè è Lì che sono stata.

n'est pas un adieu

indépendance- n'est pas un adieu
.
Fotografia di A. Radonic

.

Ora che sai
quanti salti fa il daino
o quanta acqua nasconde il deserto,

sciogli tutti i segreti degli occhi
e parlami in silenzio
della libertà degli uccelli
o del dove nascono i colori del mondo.

Occhi di velluto
non nascondono più niente;
atto unico la vita
con riflettori accesi sul corridoio
degli "Arrivederci".

Solo la mia mano
cercando quel tuo sguardo eterno
conta, immaginadoli pesci,

i sassi
dentro al torrente.

.

Ciao Andrea

.
non è un addio e tu lo sai

les jours passés

indépendance - dans le noir
.
Fotografia di Szeike

.

Troppe domande
lascia in sospeso il vento:
ci gioca una gazza ladra
intrecciandole ai miei capelli d’argento.

E’ la vanità di chi è vivo
quasi per sbaglio
o di chi vive, sbagliando.

Gli occhi dell’Amore
ci guardavano teneramente
 con paterno stupore.

Vorrei rinascere
per cento vite ancora
sotto questa forma,
con meno ombre intorno
e un riflesso nitido
anche in uno stagno.

Torneranno i viandanti
dai loro inutili discorsi
ad una più semplice postura del cuore
davanti al volo gravitazionale

di un aquilone
fra me e il sole.

.
Trovato nelle mani del cuore
e in una stufa che va continuamente in blocco.

reine II

indépendance- rien
.
Fotografia di E. Moss

.

Nulla a che vedere col sogno:

Sono tutti i miei ritardi sul tempo,
gli orli scuciti delle tue maglie,
e le pause che ritmano
anche i silenzi.

Eppure c’era anche Dio
a benedire la semplicità
delle nostre braccia.

E c’ero ancora io
a modellare una ad una le stelle
in un cielo che poi si è spento
nell’ultimo porto.

Disegnano le onde
tutto quello che rimane:

una schiuma bianca
che si disperde fra la terra e il mare.

.
trovato qui, ora.

ciel rouge

indépendance - la fenetre
.
Fotografia di ● CοηšŢαηżα ●

.

Questi muti discorsi
trapelano dalla nebbia.

Gli ozi e i vizi dei santi
m’appartengono solo per lontanza,
più timida della luce d’inverno,
la mia bocca.

Un cielo rosso
accompagna il segreto dei miei segreti
e quell’essere silenzio
fra i nodi e le perle

 di una collana.

.
trovato silenziosamente

lune blanche

indépendance - solitude
.
Fotografia di Hala M.

.

Ora che il tempo
è la scacchiera che hai riposto
nell’ora più bianca del giorno,

seguo la tua mano
sulle tende che calano sulla vita,
come un sipario.

Nessuna controfigura al dolore,
regia perfetta
anche questa nostra disperazione. 

Diventi verità assoluta
che  s’incammina sulla neve:
nessuna smorfia aggraziata
fra i silenzi e il portone.

Un pensiero ancora mi cerca
e apre con questa mia sconfitta

il cielo alla luna.
 

.
.trovato in attimi che sono macigni.

au cœur rouge

indépendance_mots
.
Fotografia di snowbuddy

.

Vivo a sud di ogni dolore,
in quella che tu vedi periferia
dov’anche le luci stanno spente
per evitare sprechi.

Lì,
proprio dove l’ombra
è il risveglio della notte
si schiude alla longevità del destino,
la vivacità dello sguardo.

Dove si sputano sentenze,
io pianto alberi nel deserto
e accendo con un fiammifero,
il lampione per i tuoi passi,

per dissolvermi in te
lasciando alla penombra
del tuo girovagare

il corsetto rosso
del mio Amore.

.
trovato oggi
dopo essermi limata le unghie
sui casini della vita

toile d'araignée

indépendance - brume
.
Fotografia di annanina

.

.Novembre.

Il silenzio abita ancora
i due lati della porta.

Solo i gatti fanno le fusa alla pioggia
quella che oggi disseta ogni distanza.

C’è un dove
che non ha inizio nè fine:
è la vita che oggi mi chiede perdono
come fosse vero che sei,
come fosse vero che tutto passa,
ingannevole soggiorno in un mattino,
l’alba.

E trovarsi nella dismisura
dell’inverno.

E’ il pulire ogni giorno la ragnatela
perchè tempo nuovo
non sposti la memoria.

Anche il ragno,
infila perle di pioggia

fra noi, i nodi e l’intercapedine.

.
trovato in una connessione instabile
e in giorni pesanti da sopportare
– mordo una mela –

dejà II

indépendance - la vie c'est un jour de pluie
.
Fotografia di .Surya.
.

..
Il silenzio ormai si manifesta
nel volo fastidioso di una mosca.

Passi viandanti
sentono la fatica delle ombre
aggirarsi furtive fra gli specchi.

E’ in te che io ho perso gli occhi?

Mi siedi accanto
per guardare il passare della storia,
la tua, la mia, quella che non passa.

(Sole pallido dietro la nebbia).

Qualcosa di oscuro,
già accendeva per noi,

le stelle.

.
Trovato in giorni inquieti.