fleur V

fleur

.

Fiore reciso
avrei messo le mie fragili radici
nella piccola zolla di terra;

la terra dove non vivono i morti
e dove crescono forti i fiori selvatici.

Il dolore non è nel taglio
è in fondo, dentro nelle radici
dove il fiore appartiene solo alla terra
Amando le mani che l’hanno colto
prima di sbocciare  di se’,
primavera.

Nascondersi fra fili d’erba
per evitare che piangano ancora l’abbandono,  le radici.

Per evitare d’essere colto,
il fiore diventa così simile a una farfalla
che chiede al cielo
un piccolo soffio d’aria pulita
dove non aver bisogno più di nascondersi,

dove poter, con le ali tagliate
imparare a volare

.
strappato dalla terra, dal sonno, dal freddo