frontière

indépendance_au _vent
.
Fotografia di keels.

.

Desolati,
come paesaggi di frontiera
quei lunghi sospiri senza mura
che sorprendono
il camminare frettoloso delle ombre.

Il silenzio è illuminato
e solo chi è nel buio può scorgerlo.
Vi prego,
nessuno lo disturbi.

Prosegue il gesticolare affannoso
di chi è già in un altro viaggio,
– destinazione sconosciuta –
diranno i più informati

e tutto è come coperto da un velo di nebbia,
come un tempo
che si sposa con le disgrazie.

Si fa tenerezza l’altro sguardo:
quello che viene ora e
oltrepassa tutti i suoni del silenzio,

riecheggia nel domani,
il cigolìo di una porta che non si chiude.

Anche Dio ammazza il tempo 
giocando a carte,
usando me come jolly.

.
trovato mordendomi la vita
e non sarò mai contorsionista