J'Aime

indépendance - jeunesse
.
Fotografia di Pluja fina

.

Amo in me
quell’orizzonte chiamato Speranza
E Amo ogni giorno di pioggia
in cui ho abitato
più le pozze per terra
che non me stessa.

Amo le ginocchia rotte
nel mio riflesso
e quello più alto, chiaro,
nascosto dietro stormi di nuvole.

E Amo la brevità
del mio essere,
per poter stare in qualcosa
che mi contenga.

Come l’esserci
sia pur per distrazione, casualità o sbaglio
in questo rumore
generato dal silenzio.

Amo in me
l’Amore che cade e si rialza
solo per dichiarare al nulla
che ancora esisto
e che amo, canto, urlo e piango.

Poi mi accendo un pensiero
sulla bellezza del tuo sguardo
come fosse ancora vivo
il ricordo.

Oppure
come se avessimo per secoli,
instancabilmente
fatto l’Amore coi fatti della vita
e un po’ narcisi,

anche con noi stessi.

.
Bon, ora esco e vado a fare la turista
a Firenze.