silencieux III

indépendance - silencieuxe

.

Parlo molto di più nel silenzio,
come quando mi avvicinavo ad ogni presenza
e solo guardandola,
con una carezza
raccoglievo nell’aria gli acari di dio
perchè la proteggessero.

Parlo molto di più nel silenzio
affidando ai sospiri del cuore,
la verità che racconta il silenzio della voce.

Io parlo in silenzio,
muovendo solo fianchi e labiali del cuore.

Anche i seni in silenzio parlano:
 correndoti incontro,

 ballano

.
Sommersa dalla carta,
in silenzio sempre ti parlo

caché

indépendance - me cacher

.

Arrivano da lontano le notizie
d’un Amore che cavalca il vento.

Me l’ha raccontato un pensiero nascosto
mentre t’aspettavo sul balcone 
d’un destino vicino.

Sono spuntate le corna alla lumaca
che esce solo quando piove.

Non pioveva oggi:
non piove mai dove è asciutto,
solo le mie piante
hanno sempre le radici nell’acqua.

Dietro agli occhi,
nascosto come il sole al tramonto
 scomposto e irrequieto, fa il bagno nelle lacrime

un pensiero bugiardo

.
Trovato nelle mani
e nelle notizie che arrivano dal destino

fleurs VI

indépendance - fleur d'Amour

.

Nella vita che vivo fuori dalle parole,
tanti si domandano cosa io faccia.

Molti non lo sanno,
io di certo non lo racconto.

M’immergo, stando sempre fuori,
in quello che raccontano,
poi seguo dentro me, le mie poche stelle,
e da qualche parte lasciando odore di patchouly
 m’incammino.

Nei giardini non hanno cambiato di molto le aiuole,
sono però cambiate le stagioni
e dove c’era il  rosso roso selvatico
ora c’è un cespuglio di agave che punge
ma che rimane verde anche d’inverno.

Tanti segreti conoscono i sassi,
quelli che non pensano alle distanza,
e si accontentano d’esistere
sotto al verde dei tigli d’estate.

A quelli che si preoccupano di sapere
come bacia un poeta,
cercando nella curiosità la risposta

risponderò che bacia
come fosse la prima e l’ultima volta,

sempre ad occhi chiusi

.
Trovato camminando e nella fretta di oggi.
Aspettando Giacomo

au delà III

indépendance - enfance

.

Svegliami in un sogno,
dentro a un utero d’uomo
pronta a rinascere.

Avrei pregato il guardiano degli angeli
perchè tenesse svegli gli angeli dei bambini,
e non distraesse quello di una donna
che anche se non lo vuole,
 rinasce.

Avrei cercato lì dove li hai trattenuti,
i miei occhi per guardare meglio, oltre,
dove l’abbraccio finisce
dove di storie simili alla nostra
è piena la solitudine del mondo.

.
Pensando alle nuvole
e a noi che stiamo sotto

déborder

indépendance - fumée

.

Ti porterò in dote una coppa fatta a urna,
come le mani unite per bere
e ti porterò una goccia di veleno
per fare traboccare dalla tua bocca,
un bacio.

C’è un urlo senza sponde
dove finisce la memoria di un pensiero,
e un marinaio lontano
che getta sul mio cuore

le reti

.
Trovato, pescato a tocco sull’onda
mentre leggevi sul giornale la notizia del mio Amore

retour

indépendance - pensée

.

Ti racconterò che ci sei,
come ci sono le lucciole d’inverno
e come aspettano appese agli occhi,
il ritorno dell’estate.

Torna tutto sulle nostre strade,
torna la polvere, tornano gli angeli
torna un cristo con in tasca una croce,
torna anche il postino nella nostra stanza
con brevi parole di carta.

Ti racconterò
che ho dipinto una scala in fondo al sentiero
e una casa di legno piena di rose
con un destino acceso,
per le notti fredde senza luce.

Torna anche il cielo
laddove abbiamo perso, in un atto d’Amore
come scucita dagli occhi, la speranza.

C’eri tu, c’ero io,
in mezzo alle voci degli angeli,
c’era anche un pensiero sconosciuto
che ci ha abbandonato.

Per strada rotolava,
perso dal fondo del nostri anni,

il domani

.
Trovato credo nelle mani