l'intruse

indépendance - histoire
.
Fotografia di H. P. Living

.

Come un’intrusa nel mondo
vivo i sospetti dell’aria,
le lacerazioni del tempo
e prego che almeno la pioggia
lavi me e quello che guardo.

Ci vuole amore anche a crescere
il prezzemolo nelle conche.

Ci sono silenzi
che si muovono scalzi
sui vetri rotti.

Scappano ogni sera
nel destino accanto
come se esistersi fosse
peccato eterno.

Dillo tu alla vita
che quei piedi con cui inciampo il mondo
sono gli stessi con cui
ho scalato le vette tue

e quelle
dell’inferno.

.
Trovato nelle mani
e nei giorni di famiglia intorno

ajonc

indépendance - l'attente
.
Fotografia di Blue Ice

.

Ci sono certezze
con le gambe stanche.

Si fermano ancora i miei occhi
sulle scie delle foglie,
fra i grani di terra,
sulle zolle dei miei passi.

La verità
è un silenzio sulle labbra
che urla dentro.

Un dolore che smuove al solo passare
l’alicanto e le ginestre.

Si veste di colore la terra
che sembra diventare
 magìa e incanto.

Sono la povertà e la ricchezza
di chi zolla dopo zolla,
mette radici nelle mani
e diventa al solo cascare,

 linfa e fiore giallo.

.
trovato in mezz’ora di silenzio in casa

réveil d'eau

indépendance - la pensée
.
Fotografia di Mari

.

Gli spari sull’acqua
 a volte uccidono nel cielo,
le quaglie.

Rimane ferito anche il cristo dei fondali
che sta di spalle.

Muove le acque
con le stigmate sul cuore
poi s’incammina sulla polvere
spacciandola per acqua.

Visioni del risveglio
è cercare un risveglio più grande
per ridurlo agli spazi di minuti assorti
e riporre il fucile di gomma

fra le stoviglie.

.
Giorni cofusi.
fra la terra e il cielo il cuore si interroga

cœur migrateur

indépendance - aller
.
Fotografia di M.

.
Ho capovolto le orme
per incontrarmi andando,
come riflessa sulla vetrina del tempo.

Non un giorno fuori posto
nella cantina
dove si placano nel rosso, le ombre
e da lì riemergere
con ogni giorno
un peccato più grande.

Diventare il segreto dei miei giorni
e abituare la vita
a guardare ogni cosa
dal basso.

Bucano il cielo le rondini
quando hanno nel nido,

il letto disfatto.

.
Trovato frugandomi fra i seni.
cercavo un fazzoletto ed ho trovato
un pensiero che ti somiglia

papillon rouge

indépndance - femme au vent
.
Fotografia di M.

.
Di oggi sentenza definitiva
del Tribunale di Firenze.

Condanna penale di diversi anni di reclusione
alla parte da me denunciata
nonchè condanna di risarcimento danni morali
e spese processuali.
.
.
.
.
Ora devo solo
chiedere perdono alla polvere
per averla calpestata
quando stavo andando

rincorrendo
le ombre delle nuvole
sulla terra.
.

Da un temporale dentro.
Odore di tiglio bagnato e ombre che corrono.

.

Ora ho solo bisogno di abbracciarmi
per avere sopportato da sola
così tanto.

.

une autre aube

indépendance - l'aube
.
Fotografia di M.

.

Il tuo passo muto
risuona anche nel silenzio.

Si avvicinano nella notte
i pensieri più distanti;
diventi forma autentica
o l’occhio con cui mi guardo.

Saperti al di là dei discorsi,
nei colori dell’alba
e nella resurrezione di me perdente.

Come fosse vero
quello che seppur muto,
sento.

Ha sete di te
nella fragilità degli steli
ogni mio germoglio.

.

trovato dove non credevo nascesse
più nulla.

d'odeurs

indépendance - reinassance
.
Fotografia di Esther

.

Ancora fermo
il muoversi delle foglie
per trattenere il rumore delle ombre
quando s’incontrano.

Indossano i nostri sguardi
e non lo sanno.

Si scrivono da soli
questi giorni di lavanda
in cui il sentimento
come trasudato
 dall’odore di pioggia sui tigli,
vive e
prende forma.

Succede d’improvviso
e diventa il frusciare viola
come odore senza terra

la lavanda.

.
trovato nel cuore
e nella fase del pre innamoramento, credo.
O forse post.

toi le roi

indépendance - l'attente
.
Fotografia di Esther

.

Dove ti fai onda,
divento nel mio essere,
piccola spiaggia per le tue conchiglie.

Regina senza regno
mi lascio bastare come segreto
nella risacca.

Ci sarà lontano il mondo,
nella brevità di una frase,
nell’atteggiamento costante
del vento sulla pietra
o dell’acqua che scrive suoni
nella gola delle montagne. 

Sarai il ramo che si estende
solo per scostare temporali
o un’onda solitaria
naufragata nel mio silenzio
perchè diventi parola.

Deponi tu il giorno
fra i mei giorni
quello in cui io sola
per le ragioni del cuore

non mi basto più.

.
inutile opporsi al cuore.
Gli dico di non pensarti ma lui è sordo

esprit de fleurs

indépendance - fleurs
.
Fotografia di Esther

.

E’ in quel tempo di ombre
che ho conosciuto
ogni angolo del mio silenzio.

Quel lasciarsi planare da dentro
dove tutto è già di per sè,
vertigine.

Essere in me
già una proiezione astratta
come fanno sulle pareti,
le ombre.

Quel riconoscersi solo per le movenze
e da meno distante,
per la vivacità
che rimane negli occhi.

Sapermi beneficiata dal dubbio,
mi assolve dalla brutalità delle circostanze.

E’ così che da fuori di me ti osservo:
avvicinarti alle pareti

come un ladro di sogni
o come ombra clandestina
che cura o strappa

le rose selvatiche alla mia casa.

.
Trovato nelle mani,
nelle cose da fare, nella vita che richiede presenza.
e nelle assenze.
Quelle non mancano mai.

aller vers la vie

indépendance - aller la vie
.
Fotografia di Tina

.

Quante mani esplorano
i confini della carne,
arredendosi al giorno
senza guardare le ombre
rialzarsi dalla polvere.

Il mio andare
è inciampare sul mondo
e soffermarmi sulle vite degli altri,
quasi rapita dalle luci intermittenti
delle lucciole.

Non appartengo
alla vita dei morti.

Morirò inciampando
 su un masso
tumefatta di vita
con le ginocchia e i polsi rotti.

.
Trovato nelle unghie rotte.
Questa vita non è pietra pomice.